Elenco nevicate nel Salento dal 1929 ad oggi

Il progetto ha lo scopo di raccogliere tutti i dati relativi alle nevicate del centro-sud Salento (in particolare del leccese) negli ultimi 50 anni, ma non solo.

Lo studio si basa su un’accurata raccolta dati, che rappresenta tuttavia un punto di partenza per ampliare la ricerca e renderla via via sempre più ricca e precisa.

I dati, riferiti soprattutto ai comuni di Lecce e Supersano (valori in blu), possono essere estesi anche al resto dei comuni salentini, pur consapevoli che ogni zona ha un suo microclima e le nevicate nella maggior parte dei casi non sono equamente distribuite su tutta la provincia.

Vi invitiamo a mettervi in contatto con noi per migliorare sempre più questo importante progetto, che si basa su misurazioni precise, testimonianze dirette e tramandate, foto, ecc.

Elenco nevicate nel Salento leccese dal 1957 ad oggi

n° anni

Anno

Novembre

Dicembre

Gennaio

Febbraio

Marzo

Aprile

 Totale cm per anno

V

E

N

T

E

N

N

I

O

P

R

E

C

E

D

E

N

T

E

1

1957

giorno 1, nevicata abbondante(15 cm)

15 cm

2

1958

3

1959

4

1960

5

1961

metà del mese, bufera(5 cm)

5 cm

6

1962

7

1963

 metà del mese,nevicate

abbondanti(10 cm)

 10 cm

8

1964

9

1965

giorni 7-8, nevicata abbondante(20 cm)

20 cm

10

1966

11

1967

12

1968

metà mese, nevicate abbondanti e temperature rigide (5 cm)

5 cm

13

1969

14

1970

15

1971

inizio mese, grande nevicata

(5 cm)

5 cm

16

1972

17

1973

18

1974

19

1975

20

1976

U

L

T

I

M

O

T

R

E

N

T

E

N

N

I

O

1

1977

2

1978

3

1979

Inizio mese (giorno 3), fu un grande inverno con nevicate per più giorni e temperature bassissime. Record diGalatina -12 °C, mai superati.

(22 cm totali)

22 cm

4

1980

 giorno 9, nevicata (circa 10 cm) – nevicata da fronte organizzato giorno 3, nevicata

(5 cm)

15 cm
5

1981

nevicate/a senza accumuli (data incerta)
6

1982

nevicate/a senza accumuli (data incerta)
7

1983

8

1984

9

1985

Inizio mese, colpì il lato tirrenico.

Il 10 spolverata (1 cm)

1 cm
10

1986

11

1987

Il mitico marzo ’87

neve i giorni 4-6-7-10-11- 15(30 cm totali)

30 cm
12

1988

giorno 16/17, nevicata

(7 cm)

7 cm
13

1989

Nevicata pomeridiana (data sconosciuta)
14

1990

15

1991

giorno 8/9, bufera in mattinata(10 cm) 10 cm
16

1992

giorno 17, fioccata senza accumulo
17

1993

giorno 2/3, leggera spolverata(0.5 cm) giorno 23, spolverata(0.5 cm) giorno 6, accumulo nella notte (5 cm) 6 cm
18

1994

19

1995

fine mese, comparsa fiocchi(data incerta) giorno 1, neve mista a pioggia
20

1996

giorno 24, nevicate intermittenti, accumuli quasi nulli.

Giorno 25, nevicata con accumulo (5 cm) su Lecce

5 cm
21

1997

Nevicata senza accumuli (data sconosciuta)
22

1998

giorno 8, nevicò per un paio d’ore nevicata senza accumulo (data incerta – notte del 25 ?)
23

1999

24

2000

25

2001

giorno 17, tormenta per 11 ore consecutive25 cm 25 cm
26

2002

27

2003

giorno 8, colpo di coda alla faccia della primavera (5 cm circa) 5 cm
28

2004

giorni 23-24, brevi nevicate intermittenti
29

2005

30

2006

giorno 24/25, accumulo sul Monte S. Eleuterio (5 cm)  e nel pomeriggio a Otranto 3 cm

(media 0.5 cm)

giorno 6/7, 5 cm sul Capo di leuca

(media 0.5)

1 cm
2007 giorno 14, spolverata comuni nord leccese

2008

giorni 16-17, rovesci di neve su tutto il leccese con qualche spolverata
2009
2010
2011 giorno 7

bufere di neve senza accumulo su tutto il Salento

2012

Novembre

 Dicembre Gennaio   Febbraio  Marzo Aprile TOT accumulo

Totale per mese

 comparse

72 cm

49 cm

26 cm

35 cm

5 cm

Ultimi 50 anni:

187 cm

Ultimi 30 anni:

127 cm

MEDIE

Media 50 anni:

1.44 cm

Media 30 anni:

1.73 cm

Media 50 anni:

0.98 cm

Media 30 anni:

0.97 cm

Media 50 anni:

0.52 cm

Media 30 anni:

0.20 cm

Media 50 anni:

0.70 cm

Media 30 anni:

1.17

Media 50 anni:

0.10 cm

Media 30 anni:

0.17 cm

Accumulo medio annuo nel Salento degli ultimi 50 anni: 3.74 cm

Accumulo medio annuo nel Salento degli ultimi 30 anni: 4.24 cm

Dalla tabella si evince come la media degli ultimi 30 anni, rispetto al ventennio precedente, sia cresciuta nei mesi di Dicembre, Marzo e Aprile, e sia decresciuta nei mesi di Gennaio e Febbraio. Si tratta di variazioni minime su un accumulo mensile “irrisorio”, ma comunque significative.

Molto probabilmente tale diminuzione è da attribuirsi anche alla scarsità delle informazioni riguardanti le nevicate nel primo ventennio in questione (invitiamo pertanto chiunque avesse altri dati a comunicarceli), ma  soprattutto ad una maggiore convettività dei fenomeni.

In virtù di tale ipotesi é giustificata la diminuzione dell’accumulo proprio nei mesi classicamente più freddi, cioè in Gennaio e Febbraio dove, non essendoci sinottiche particolarmente favorevoli a perturbazioni nevose organizzate (fronti nevosi organizzati) il mare meno caldo non contribuisce ad esaltare i fenomeni.

Quindi si può concludere che le maggiori nevicate  derivino dal classico Effetto Lago, “Lake Effect Snow” LES, che riferito al Salento leccese chiameremo “Adriatic Effect Snow” ovvero Neve da Effetto Adriatico.

In breve spieghiamo l’effetto lago o adriatico che dir si voglia.

Le correnti fredde, che provengono dall’entroterra balcanico, sfociano nel Mediterraneo, in particolare nel Mar Adriatico. Quanto maggiore sarà la differenza di temperatura tra la massa d’aria fredda e le acque del mare, maggiore sarà la possibilità di fenomeni. Questo perchè le masse d’aria secche provenienti dall’Est Europeo, attraversando la superficie del mare, si caricano di umidità lungo il percorso. Man mano che le correnti avanzano verso l’entroterra, incontrano dei piccoli ostacoli orografici che producono un minimo sollevamento forzato (verso il Monte S. Eleuterio) della massa d’aria, incrementando localmente i fenomeni (leggero effetto Stau).

A tal fine ci deve essere un giusto equilibrio tra la temperatura del mare e la temperatura dell’atmosfera, altrimenti senza il sopraggiungere di una massa d’aria particolarmente fredda, il mare innalzerà inevitabilmente i gradienti termici verticali, non permettendo alla neve di cadere sino al piano.

Si formano così delle “striature nevose” prevalentemente in direttrice NE-SW, che si autoalimentano e il più delle volte, soprattutto quando l’instabilità è poco accentuata, insistono sempre sulle stesse zone, distribuendo in modo irregolare gli accumuli.

Talvolta i rovesci di neve possono manifestarsi anche a carattere temporalesco con intense fulminazioni. Esempio per tutti l’ormai storica nevicata del 17 Dicembre 2001, con una media di 25 cm di neve in poco più di 12 ore.

Bisogna tuttavia considerare la media di 4.25 cm (SECONDO LIVELLO) non estendibile all’intero territorio.

Infatti, in base alle osservazioni effettuate ed in base a ciò che è stato illustrato in questo lavoro, si può concludere che, nelle zone delle Murge Salentine centrali e della Valle della Cupa (PRIMO LIVELLO) l’accumulo si scosta dalla media di un 20-30% in più per cause differenti.

Sulle murge i 70-100 metri d’altitudine in più, permettono isoterme più basse comprese tra 0.5 e 1.5 °C in grado di far attecchire prima la neve al suolo (vedi Fig. 1).

Fig. 1 – Zona del Salento leccese centro-meridionale

Identico fenomeno è osservabile nei paesi della Valle della Cupa, ma questa volta non per motivi altimetrici, bensì per l’inversione termica, che soprattutto in caso di venti non particolarmente intensi,  riesce a resistere permettendo ugual differenza di temperatura (0.5 -1.5°C in meno) rispetto alle altre zone interne del Salento leccese e cioè quelle corrispondenti al II livello (vedi Fig. 2).

Fig. 2 – Zona del Salento leccese centro-settentrionale

Il TERZO LIVELLO è rappresentato dalle zone costiere del mar Adriatico che, nonostante la vicinanza col mare, rispetto alle zone costiere del Mar Ionio (ultime come media di nevosità) hanno un discreto accumulo nevoso. Questo grazie all’effetto lago che si presenta più generoso sulla costa Adriatica.

Il versante ionico (QUARTO LIVELLO) oltre ad avere nubi meno consistenti, perchè le precipitazioni maggiori si scaricano nelle zone interne, ha una media termica di 4-5° in più rispetto al resto del territorio.

La cartina qui di seguito è la prima carta nivometrica del Salento leccese (Fig. 3), da cui emerge che le zone corrispondenti alle Murge Salentine verso il Capo di Leuca (Presicce, Gagliano del Capo, ecc.), pur avendo un’altitudine pari alle Murge Salentine centrali (verso il Monte S. Eleuterio – Parabita, Matino per intenderci), non possono essere collocate nel I livello. Infatti in prossimità del Capo, l’aria é lievemente mitigata per la vicinanza al Mar Adriatico e al Mar Ionio dovuta al restringimento del territorio. Tuttavia le suddette zone vantano un buon accumulo, rientrando perciò nel II livello.

SINTESI TABELLA:

Accumuli medi mensili superiori al centimetro: Dicembre e Marzo
Inverno mediamente più nevoso: 1987 (media di 30 cm)
Anno con maggior numeri di giorni nevosi: 1987 (6 giorni in Marzo)
Nevicata più intensa: 17 Dicembre 2001 con 25 cm medi in poco più di 12 ore
Inverno con record freddo: 1979 (-12° a Galatina)
Numero di anni consecutivi trascorsi senza accumuli nevosi significativi: 7 anni (dal 1972 al 1978)

 

Dal 1957 ad oggi, totale giorni con accumulo al suolo:
Svariate fioccate senza accumulo in Novembre e Aprile
In Gennaio8 giornate con accumulo nevoso
In Marzo7 giornate con accumulo nevoso
In Dicembre: 6 giornate con accumulo nevoso
In Febbraio4 giornate con accumulo nevoso
In Aprile: 1 giornate con accumulo nevoso

Dal 1957 ad oggi, totale annate con accumulo al suolo:
Nell’ultimo 50ennio: 16 annate con nevicate da accumulo
Nell’ultimo 30ennio: 11 annate con nevicate da accumulo

 

Le nevicate con accumulo si hanno in media ogni 3,13 anni (considerando l’ultimo cinquantennio)

Le nevicate con accumulo si hanno in media ogni 2,73 anni (considerando l’ultimo trentennio)

Prima di concludere elenchiamo altri eventi freddi o nevosi fuori dall’ultimo cinquantennio:

  • Marzo 1747 sul Salento “freddi ennesimi e venti di borea”.
  • Il “gelidamente” famoso 1929 (colpì l’intera Europa e tutta la nazione).
    I primi due mesi del 1941.
    Il ’56 (grande invernata).
  • Notte tra il 29/30 Novembre del 1957: circa 10 cm a Taranto.
  • Notte tra il 3-4/01/2002 a Taranto neve, a Lecce pioggia?

Allargando gli orizzonti diamo uno sguardo all’intera penisola italiana

METEOROLOGIA

7 gennaio 2017: apoteosi bianca sul Salento

Il 7 gennaio 2017 rimarrà negli annali climatologici salentini come una giornata storica in termini di freddo e neve. Di seguito, alcuni dati significativi relativi...

PREVISIONI A MEDIO LUNGO TERMINE