Attenzione allo scirocco e ai mari mossi

0
1257

Una profonda circolazione depressionaria con minimi al suolo tra Italia centro-settentrionale e Germania alimenterà, nel corso della giornata di domani, domenica 28 luglio, forti venti meridionali sul Salento, prevalentemente a carattere sciroccale, soprattutto lungo la costa adriatica.
Si tratta di una tipica situazione da SCAND +, piuttosto rara durante la stagione estiva e caratterizzata da una configurazione barica che vede la presenza dell’alta pressione sulla Penisola scandinava e una figura di bassa pressione, invece, sul Mediterraneo.

La carta sinottica prevista dal Servizio Meteorologico Croato DHMZ mostra chiaramente per le 14, ora locale, di domani la disposizione delle figure bariche con associati i relativi fronti: notiamo il graduale ingresso dell’ormai indebolito fronte freddo nord-atlantico dalla Porta di Carcassonne (linea blu coi triangolini), mentre un ampio fronte caldo (linea rossa coi semicherchi) si estende dal Canale della Manica sino ai settori orientali dell’Oceano Atlantico: si tratta della “bolla calda” che ha arroventato l’Europa occidentale pochi giorni fa e che ancora fatica a dissiparsi.
Più ad est, infine, sugli estremi settori nord-orientali europei, al confine con la Russia, notiamo un vasto fronte freddo in discesa verso sud.

L’ultima domenica di luglio salentina sarà quindi contraddistinta dal forte vento meridionale, con possibili raffiche anche tra 60 e 70 km/h.

Attenzione quindi ai mari, soprattutto allo Ionio meridionale, che risulterà essere molto mosso con onde di altezza massima (al largo) anche oltre 1 metro.

Le temperature del mare saranno comunque piacevoli, generalmente comprese tra i 27° dell’alta costa ionica e della costa brindisina e i 25° della bassa costa ionica.

Clima infine afoso, con rischio concreto di nubi basse in arrivo dal mare lungo la costa ionica centro meridionale, come mostra la mappa della copertura nuvolosa prevista per le 13 di domani dal modello numerico Moloch dell’ISAC-CNR.

Fabrizio Congedo