Autunno 2019: sarà freddo e piovoso?

La tendenza stagionale a cura di Accuweather

0
874

Tra poco più di due settimane calerà definitivamente il sipario sull’estate meteorologica 2019. E’ tempo, quindi, di dare uno sguardo alle prime proiezioni per l’ormai imminente stagione autunnale.
Secondo Accuweather, per l’Italia e la Penisola balcanica si prospetta un autunno piovoso, caratterizzato da episodi temporaleschi particolarmente intensi con il rischio concreto di alluvioni lampo e frane, sulla scia di quanto è già accaduto nel corso di tutta la stagione estiva.
I fenomeni diventeranno “fisiologicamente” meno intensi con l’avanzare della stagione, ma frequenti episodi piovosi sui settori meridionali europei sono attesi tra i mesi di ottobre e novembre.

Le temperature dovrebbero essere quindi in linea con le medie del periodo o poco al di sotto: in sostanza, dovrebbero essere mediamente scongiurate ondate di calore tardive.
Anzi, sempre secondo Accuweather, una possibile incursione di aria fredda da nord-est potrebbe concretizzarsi verso la fine della stagione, con il rischio di nevicate precoci dall’Ungaria e la Romania sino alla Serbia e all’Erzegovina.

Il caldo, invece, dovrebbe farla da padrone sulla Penisola iberica per la prima parte del trimestre autunnale, mentre un cambio netto per l’ingresso delle correnti nord-atlantiche è atteso nel corso del mese di ottobre.

Clima più mite del solito e asciutto sull’Europa centrale e parte della Penisola scandinava: da metà novembre, tuttavia, sembrerebbe probabile anche qui un drastico calo delle temperature per l’arrivo di aria molto fredda dalla Russia.

Elevato rischio di forti tempeste di vento, infine, per Gran Bretagna, Danimarca ed estremi settori occidentali della Penisola scandinava.

Nota: val la pena sottolineare che si tratta solo di una tra le tante previsioni stagionali disponibili in rete e, dunque, in quanto tale, nonostante l’indubbia valenza scientifica, tale tendenza ha per il momento un valore puramente indicativo e non può in alcun modo essere considerata una previsione puntuale.