Campo anticiclonico e piccole gocce fredde in quota

0
1068

Il tempo per i prossimi 10-15 giorni non presenta sostanziali differenze con la situazione attuale, essendo dominato principalmente da una zona di alta pressione estesa su gran parte dell’Europa.

 

L’intensa ondata di freddo in atto al Sud Italia dovrebbe lentamente scemare, lasciando lo spazio a condizioni di tempo buono ed anticiclonico, caratterizzato da inversioni termiche con freddo soprattutto al mattino sulle pianure, ma le isoterme non sembrano caldissime neanche sulle zone montuose, quindi le temperature dovrebbero rimanere attorno alle medie stagionali o poco al di sopra.

 

E’ il tempo che sembra restare buono per i prossimi 15 giorni su quasi tutta la Penisola, anche se con possibili eccezioni ed insidie, dovute alla presenza di piccoli “Poli” freddi  in quota la cui traiettoria non è facile da prevedere per il modelli matematici, tanto meno a lunghissimo termine.

 

Si tratta di piccole perturbazioni che potrebbero avere la meglio sul campo anticiclonico riuscendo a penetrarlo soprattutto sul suo lato meridionale, che è quello italiano.

 

Uno di questi transiterà nella giornata di domani 7 Gennaio, anche se un peggioramento del tempo sembra interessare soprattutto la Sardegna e parte della Sicilia.

 

Ugualmente una piccola saccatura potrebbe interessare il lato occidentale italiano nella giornata di venerdì 10 Gennaio, mentre nel corso della seconda decade del mese altra aria fredda potrebbe giungere sul Sud Italia, e poi forse altri Poli interessare la nostra Penisola dopo la metà di Gennaio.

 

E’ sempre questo il periodo, la seconda metà di Gennaio, nel quale, da alcuni giorni, i modelli ensamble darebbero delle possibilità per la nostra Penisola, grazie ad una maggiore debolezza del campo anticiclonico sull’Italia, ma si tratta pur sempre di previsioni probabilistiche, soggette quindi a cambiamenti ed errori.

 

Solitamente una cellula alto pressoria ben strutturata in quota darebbe garanzie di durata per molti giorni, ma in meteorologia non c’è niente di assolutamente certo, a volte neanche a breve scadenza.

 

Nella mappa delle anomalie termiche previste nei prossimi dieci giorni notiamo che il Nord Italia potrebbe avere anomalie positive, mentre il Centro Sud rimanere con temperature al di sotto della norma.