Dal caldo estivo al freddo artico?

0
3599

Il tempo stabile e ampiamente soleggiato continua a caratterizzare questo anomalo mese di settembre, con temperature che si attestano su valori da piena estate: anche nella giornata odierna, infatti, è stata diffusamente superata la soglia dei 30°, con picchi sino a 32° presso le stazioni di San Pancrazio Salentino, Lequile e Taurisano (fonte: rete MeteoNetwork).
Tuttavia, le elaborazione dei più importanti centri di calcolo ormai da giorni vanno delineando un possibile drastico cambiamento all’inizio della prossima settimana: potremo infatti passare, in pochi giorni, dall’attuale dominio anticiclonico afro-mediterraneo all’incursione di una saccatura fredda artica.

Lo scenario barico prospettato dai modelli matematici ricorda molto da vicino le tipiche retrogressioni fredde invernali: le conseguenze per l’Italia sarebbero eclatanti, con cali termici rispetto alla giornata di oggi vertiginosi, generalmente compresi tra -6° e -18° lungo la catena delle Alpi.

Tuttavia è doveroso ricordare che la prognosi è ancora tutt’altro che sciolta: molto utile, in tal senso, analizzare le mappe cosiddette ensemble di un modello matematico, ad esempio l’americano GFS. Semplificando il discorso, la mappa di seguito illustra quanto tutti i possibili scenari futuri previsti dal modello si discostano dallo scenario medio: in parole povere, le aree con colorazioni giallo-arancioni tendenti al fucsia rappresentano aree di forte “discordanza” e, dunque, di forte impredicibilità, mentre quelle celesti e blu rappresentano aree per le quali la previsione appare molto più affidabile.
Dunque, l’analisi della mappa, in particolare dell’area giallo-arancione sull’Italia, evidenzia chiaramente come ancora non sia stata inquadrata chiaramente la traiettoria della saccatura artica.
Cosa attendersi quindi nei prossimi giorni? Appare sempre più probabile un cambio di circolazione, soprattutto per le regioni adriatiche italiane; tuttavia, è ancora presto per quantificare con certezza il calo termico e l’eventuale coinvolgimento in termini di precipitazioni del nostro territorio.

Seguiranno ulteriori aggiornamenti.

Staff SuperMeteo