La primavera può attendere…

0
1690

Non ci sono dubbi. Il protagonista indiscusso dello scenario barico europeo in questo ultimo scorcio invernale sarà Dorit, una possente cupola altopressoria supportata da aria (molto) mite, soprattutto in quota, di matrice subtropicale.
Se, da un lato, l’ulteriore consolidamento di Dorit  sul Bacino del Mediterraneo garantirà tempo stabile e mite di giorno anche sul nostro territorio, tuttavia, dall’altro, saranno proprio i movimenti dell’anticiclone a farci probabilmente ripiombare in pieno inverno nel corso del prossimo fine settimana, secondo uno schema tipico di questa stagione invernale ormai in fine.
Stavolta, l’asse dell’anticiclone sarebbe tale da far fluire masse d’aria gelida di estrazione artico-continentale in direzione dei settori orientali europei.

Quali le sorti per il Salento? L’inverno meteorologico salentino si concluderà con un ultimo ruggito?
Gli aggiornamenti serali dei più importanti centri di calcolo mostrano ancora notevoli margini di incertezza sull’esatta collocazione della colata gelida, sebbene appare ormai certo un discreto calo delle temperature proprio tra sabato e domenica.
Di seguito, vi proponiamo la visione dell’americano GFS e quella, nettamente più ficcante, del modello europeo ECMWF.

Ancora una volta, come possiamo dedurre dall’analisi della mappa della deviazione standard tra i due modelli riportata di seguito, la maggiore impredicibilità atmosferica regna proprio in area salentina e, più in generale, su tutta la zona centrale del Mediterraneo. Sarà qui, infatti, che nel corso dei prossimi giorni si decideranno le sorti della “lotta tra due titani atmosferici”, l’anticiclone subtropicale e la saccatura artica.

Seguiranno aggiornamenti.

 

Fabrizio Congedo
Staff SuperMeteo