La primavera riporterà le perturbazioni nord-atlantiche?

0
427

Dopo il temporaneo aumento delle temperature nella giornata di domani a causa dell’espansione verso sud-est della vasta cupola di alta pressione Frauke, l’inverno meteorologico 2017/2018 salentino si congederà con un nuovo impulso di aria relativamente fredda dai Balcani. Saranno soltanto gli “spifferi” di una circolazione decisamente più fredda che, come ormai da copione in questa stagione invernale, avrà come target i settori orientali europei.

Disposizione delle figure bariche secondo i modelli EMWF e GFS per la notte tra oggi e domani, 26 febbraio.
Temperature alla quota di riferimento di 850 hPa previste dal modello matematico GFS per la giornata di mercoledì 27 febbraio.

Tuttavia, proprio in corrispondenza dell’avvio della stagione primaverile (meteorologica), l’egemonia incontrastata dell’anticiclone subtropicale tra Vicino Atlantico e settori occidentali europei potrebbe essere scalfita da una sempre più “insistente” corda nord-atlantica: la posizione più defilata dell’anticiclone, sembrerebbe infatti garantire l’ingresso delle perturbazioni nord-atlantiche sul Bacino del Mediterraneo, confinando verso est il flusso gelido artico e garantendo, tra l’altro, un auspicato ritorno delle piogge al Nord e probabilmente su tutta la Penisola (da confermare).

Tendenza media per i primi di marzo secondo i modelli GFS e ECMWF.

 

Fabrizio Congedo
Staff SuperMeteo