Maltempo autunnale: cadono record dal 1928

Mai così tanta pioggia nel mese di maggio

0
1183

Una forte ondata di maltempo dalle caratteristiche prettamente autunnali ha interessato il Salento nella giornata di ieri, con piogge e temporali localmente violenti.
Le precipitazioni sono state generalmente abbondanti e uniformi su tutto il territorio, con picchi persino superiori a 60-70mm lungo il Leccese orientale e localmente nel Brindisino (Figura 1). Tra gli accumuli più significativi segnaliamo:

  • Frassanito (LE): 76 mm (fonte: rete Weather Underground);
  • San Vito dei Normanni (BR): 71 mm (fonte: rete Protezione Civile Puglia);
  • Spongano (LE): 65 mm (fonte: rete Weather Underground);
  • Cerfignano (LE): 62 mm (fonte: rete MeteoNetwork);
  • Torre dell’Orso (LE): 58 mm (fonte: rete MeteoNetwork);
  • Minervino di Lecce (LE): 55 mm (fonte: rete Protezione Civile Puglia);
  • Francavilla Fontana (TA): 49 mm (fonte: rete MeteoNetwork);
  • Grottaglie (TA): 49 mm (fonte: rete Protezione Civile Puglia);
  • Taurisano (LE): 46 mm (fonte: rete MeteoNetwork);
  • Alessano (LE): 42 mm (fonte: rete MeteoNetwork).
Figura 1. Accumuli pluviometrici di domenica 12 maggio 2019. Fonte: mappa MeteoNetwork.

Si tratta di accumuli localmente eccezionali per il mese di maggio.
A tal proposito, è eclatante il caso della stazione di San Vito dei Normanni della rete di monitoraggio della Protezione Civile, dove l’accumulo giornaliero di 71.2 mm rappresenta un record dal 1928, anno in cui sono iniziate le rilevazioni.
Non solo: se sommiamo l’accumulo di ieri alle piogge dei giorni precedenti, l’accumulo parziale di maggio arriva a 93.4 mm e, pur essendo ancora all’inizio di questa lunga fase instabile/perturbata, il dato del 2019 rappresenta già un record assoluto per la stazione in esame.

Figura 2. Serie storica accumuli pluviometrici del mese di maggio dal 1928 ad oggi presso la stazione di San Vito dei Normanni della rete di monitoraggio della Protezione Civile Puglia.

Impressionante anche la quantità di fulmini caduti tra Salento, Golfo di Taranto e sud-est Barese nella sola giornata di ieri (Figura 3).

Figura 3. Fulmini registrati in 24 ore. Fonte: Blitzortung

Oltre 100 mila fulmini in due giorni su tutto il territorio italiano e aree limitrofe.

Figura 4. Fulmini registrati in 48 ore, a partire dalle ore 6:30 di sabato 11 maggio. Fonte: www.boock.ch

Completano il quadro di questa insolita domenica di maggio i temporali grandinigeni tra Tarantino e Valle d’Itria.

Figura 5. Accumuli di grandine a Ginosa.

 

Fabrizio Congedo
Staff SuperMeteo