Ondata di freddo a metà della prossima settimana, segue tempo variabile a prevalenza anticiclonica

0
2579

Dopo alcuni giorni di clima primaverile, sembra prendere piede una imponente ondata di freddo proveniente dal nord Europa.

Il modello matematico statunitense gfs, assieme a quello europeo, concordano nel definire la traiettoria di questo minimo dalla Polonia fino alla Grecia, ma interessando anche il nostro versante Adriatico ed il Sud Italia.

Queste sembrano essere le zone italiane maggiormente colpite dai venti freddi, dal maltempo ed anche dalla neve che probabilmente scenderà fino a quote collinari.

Nel proseguo, attorno alla fine della settimana, l’alta pressione avrà di nuovo preso piede sull’Italia settentrionale centrale, mentre il Sud Italia tarderà a trovare un miglioramento più deciso rimanendo sotto il tiro di correnti ancora fresche ed instabili.

Successivamente, è possibile il transito di una perturbazione atlantica verso la fine della prima decade di febbraio, anche se le previsioni restano  nell’incertezza in quanto il campo anticiclonico sembra rimanere forte anche in un contesto di correnti nord-occidentali.

Alta pressione che sembra rimanere stabile sull’Europa centro-meridionale anche attorno alla metà di febbraio.

Si tratta di previsioni fatte con le ensamble del modello statunitense gfs, nei prossimi giorni vedremo se subiranno delle modifiche.