Ottobre 2018: caldo anomalo e precipitazioni record.

Mai tanta pioggia a Galatina dal 1923!

0
432

Caldo anomalo e precipitazioni abbondanti, localmente eccezionali, hanno caratterizzato il mese centrale della stagione autunnale salentina 2018.
Come di consueto, dall’analisi dell’Indice di Temperatura Standardizzato (STI), calcolato per le 4 stazioni della rete di monitoraggio dell’Aeronautica Militare, emerge chiaramente un quadro mensile caratterizzato da temperature diffusamente al di sopra delle medie di riferimento che, lo ricordiamo, riguardano il trentennio 1981-2010.
Val la pena ancora una volta sottolineare che l’indice STI non rappresenta un “semplice” scarto dai valori medi del periodo, ma fornisce un’informazione molto più accurata in quanto, confrontando (normalizzando) tale scarto (noto come anomalia) con la variabilità della serie storica, permette di identificare quali sono stati i reali episodi di caldo o freddo anomalo.
Mediante tale indice, riportato in Figura 1, quindi, possiamo affermare che le temperature del mese di ottobre sul territorio salentino sono state ovunque al di sopra della media e, in alcuni casi, come per le stazioni di Galatina AM e, soprattutto, Marina di Ginosa AM, siamo in presenza di un mese caratterizzato da caldo (decisamente) anomalo (valore dell’indice STI superiore a +1).

Figura 1. Ottobre 2018: Indice di Temperatura Standardizzato per le stazioni di S.M. di Leuca, Galatina, Brindisi e Marina di Ginosa dell’Aeronautica Militare. Fonti: dati 2018 dalla rete del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare; storico 1981-2010 a cura di SCIA – Ispra.

Come per le temperature, anche per le precipitazioni condurremo l’analisi utilizzando un indice statistico, l’Indice di Precipitazione Standardizzato (SPI), o indice di precipitazione standardizzato, il quale, elaborato sulla base delle serie storiche di ogni singola stazione, ci permette di quantificare in maniera sintetica l’abbondanza o il deficit di precipitazioni di una determinata località salentina.
L’analisi del grafico in Figura 2 mostra quindi una situazione di surplus pluviometrico per 3 delle 4 stazioni analizzate: solo per Marina di Ginosa il dato rientra nella variabilità climatica locale.
Piogge abbondanti, invece, presso le stazioni di S. M. di Leuca e soprattutto Galatina dell’Aeronautica militare: qui, l’indice SPI, superiore a +2, indica una situazione di piovosità estrema. In parole povere, valore di SPI quasi prossimi a 3 indicano che, non solo la pioggia caduta è stata superiore alla media, ma che siamo addirittura quasi 3 volte al di fuori dell’intervallo di “normalità pluviometrica” locale.

Figura 2. Ottobre 2018: Indice di Temperatura Standardizzato per le stazioni di S.M. di Leuca, Galatina, Brindisi e Marina di Ginosa dell’Aeronautica Militare. Fonti: dati 2018 dalla rete del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare; storico 1981-2010 a cura di SCIA – Ispra.

Analizzando l’intera serie dei dati pluviometrici del mese di ottobre della stazione di Galatina AM (dal 1951), ottobre 2018 risulta essere il terzo più piovoso di sempre, dopo ottobre del 1996 (293mm) e ottobre del 1957 che, con 550mm di accumulo, risulta il più piovoso in assoluto.
Diverso il discorso della stazione di Galatina appartenente alla rete di monitoraggio della Protezione Civile Puglia, collocata più a sud della stazione dell’Aeronautica, lungo la Strada Provinciale Noha-Collepasso.
In questo caso, il dato di ottobre del 2018 rappresenta un record assoluto dal 1923 ad oggi: infatti, con un valore di 351mm, l’accumulo pluviometrico di ottobre 2018 manda in frantumi il precedente record risalente al 1997.

Figura 3. Serie storica precipitazioni registrate dalla stazione di Galatina delle rete di monitoraggio della Protezione Civile Puglia nel mese di ottobre dal 1923 ad oggi. Fonte: dati rete Protezione Civile Puglia. Rielaborazione: SuperMeteo.

Ricorrendo a strumenti statistici più complessi, ma senza entrare nei dettagli, si può affermare che la distribuzione delle precipitazioni mensili approssima bene la distribuzione di Gumbel, ragion per cui è stato possibile calcolare il tempo di ritorno delle piogge cadute nel mese di ottobre 2018: analizzando il grafico in Figura 4, almeno qualitativamente, è possibile affermare che il tempo di ritorno di un mese così piovoso è certamente superiore a 200 anni!

Figura 4. Tempi di ritorno delle piogge mensili del mese di ottobre stimate per la stazione di Galatina delle rete di monitoraggio della Protezione Civile Puglia. Fonte: dati rete Protezione Civile Puglia. Rielaborazione: SuperMeteo.

Concludiamo la nostra analisi riportando le curve di probabilità pluviometrica calcolate per la stazione di Galatina, confrontandole con i dati misurati la notte del 23 ottobre, quando la città fu colpita da un evento alluvionale, in grado di scaricare tra 150 e 180mm in poche ore.
Chiariamo che le curve di probabilità pluviometrica sono particolari tipi di curve che esprimono la relazione tra gli accumuli pluviometri e le durate di pioggia che si possono verificare in una determinata zona, per un assegnato valore del periodo di ritorno. Le durate  standard  sono 1, 3, 6, 12 e 24 ore.
Ad esempio, analizzando il grafico in Figura 5, valori di precipitazione in un’ora inferiori a 40 mm per la stazione in esame hanno tempi di ritorno di 2 anni, mentre, il tempo di ritorno di un accumulo orario superiore ad 80mm è di quasi 90 anni.
I dati registrati la notte del 23 ottobre sono riportati di seguito:

  • Pioggia in 1 ora: 61.2mm
  • Pioggia in 3 ore: 145mm
  • Pioggia in 6 ore: 149.4mm

Incrociando questi dati del 2018 con le curve di probabilità emerge un tempo di ritorno per la pioggia oraria di almeno 10 anni, mentre nel caso della pioggia trioraria il dato è eccezionale: infatti, il tempo di ritorno di un accumulo in 3 ore pari a 145mm è superiore a 200 anni, confermando quanto già analizzato a livello mensile.
I dati, infine, non risultano eclatanti per quanto riguarda la pioggia su 12 e soprattutto 24 ore in quanto gli oltre 250mm di pioggia sono caduti in circa 36 ore, a cavallo tra il 22 e il 23 ottobre.

Figura 5. Curve di probabilità pluviometrica per la stazione di Galatina della rete di monitoraggio della Protezione Civile Puglia. Fonte: dati rete Protezione Civile Puglia. Rielaborazione: SuperMeteo.

Fabrizio Congedo
Staff SuperMeteo