Nella giornata di ieri, lunedì 12 agosto 2019, l’onda di calore nord-africana, la più intensa e duratura di tutta la stagione estiva salentina 2019, ha raggiunto la sua fase più acuta che si protrarrà anche per la giornata odierna, per poi spegnersi gradualmente a partire dalla seconda parte di mercoledì 14 agosto.

Una tanto costante quanto vivace ventilazione settentrionale che, come noto, produce un effetto favonizzante nell’entroterra ionico, ha fatto schizzare verso l’alto i termometri lungo tutta l’area ionica, nel punto di incontro tra i venti settentrionali e le brezze dal Mar Ionio. Ecco che, quindi, le temperature massime di ieri sono arrivate ad un soffio dai 41° nel Tarantino.
Di seguito, i valori massimi più elevati registrati nella giornata di ieri:

  • Palagianello (TA): 40.8°
  • San Giorgio Jonico (TA): 40.5°
  • Palagiano (TA): 40.4°
  • Lizzano (TA): 40.2°
  • Statte (TA): 39.5°
  • Massafra (TA): 39.2°
  • Taurisano (LE): 38.9°
  • Tuglie (LE): 38.1°
  • Galatone (LE): 37.4°
  • Supersano (LE): 37.3°
  • Nardò, Copertino (LE): 37.2°
  • Manduria (TA): 37°

La vivace ventilazione settentrionale ha invece prodotto l’effetto opposto lungo il versante adriatico dove, grazie all’azione mitigatrice del mare, le temperature massime sono state nettamente più contenute spingendosi a fatica oltre i 31°-32°.

  • Lendinuso (BR): 29.8°
  • Otranto (LE): 30.3°
  • Frassanito (LE): 31.3°
  • S. M. di Leuca (LE): 31.4°
  • Brindisi: 31.5°
  • Montalbano (BR): 32.7°