Previsioni a lungo termine, Inverno rigido su Russia ed Est europeo?

0
462

Tutti ci chiediamo che tempo possa fare il prossimo inverno, la domanda è legittima, ma le risposte sono, al di là di qualche annuncio roboante, molto difficili e quasi inattendibili.

Pur con i consistenti progressi che sta facendo la meteorologia di lungo termine, la casualità regna sovrana in questo genere di previsioni, che risultano estremamente difficili a distanze di tre o più mesi.

Le previsioni a lunghissimo termine si basano sia sulle anomalie delle temperature oceaniche su larga scala, sia sul principio della persistenza (una circolazione meteorologica particolare rischia di permanere per dei mesi su di una determinata zona).

Riguardo agli oceani, quest’anno abbiamo la presenza della Nina, una anomalia negativa nella temperatura del Pacifico Equatoriale che dovrebbe influenzare la circolazione atmosferica planetaria nel corso della prossima stagione invernale.

E, teoricamente, con la Nina gli Inverni italiani sono spesso stati più freddi del normale, ed hanno visto irruzioni di aria fredda continentale.

Ma ci sono due zone in particolare dove i meteorologi  si sono azzardati a fare delle previsioni per il prossimo semestre freddo.

In Polonia, i meteorologi hanno previsto una serie di anticicloni di blocco in Atlantico tra Ottobre e Novembre, che favoriranno l’ingresso di gelo e neve molto in anticipo sulla norma.

Tuttavia, è anche previsto un ritorno della circolazione occidentale più mite nel mese di Dicembre, quando almeno la parte ovest dello Stato si troverebbe con temperature miti, mentre la parte orientale rimarrebbe probabilmente al freddo.

Questo perché sulla Russia, i meteorologi locali hanno in previsione una stagione invernale particolarmente lunga e dura, malgrado il caldo che ha colpito la Siberia durante questa Estate.

Anzi, proprio questo caldo estivo dimostra un indebolimento della circolazione atmosferica occidentale, e quindi una prospettiva di un inverno particolarmente rigido, in quanto le correnti più miti da ovest non riuscirebbero a penetrare nelle steppe russe.

Un Inverno rigido e nevoso sulla Russia sarebbe un buon viatico per alcune incursioni di aria fredda sulla nostra Penisola.