Previsioni a lungo termine: miglioramento del tempo e poi di nuovo peggioramento a fine mese

0
488

Al solito, per cercare di capire l’evoluzione del tempo sul lunghissimo termine, si cerca di utilizzare il modello ensemble ECMWF, con la speranza che il tempo previsto mediamente dai vari “spaghi” di previsione riesca ad essere aderente alla realtà.

Con i normali modelli matematici non si riesce ad arrivare ad una buona attendibilità oltre le 96-120 ore (ed è  già molto), per cui si ricorre all’aiuto dei modelli ensemble, che simulano errori nell’immissione dei dati iniziali e mostrano le varie possibilità che si pongono nell’evoluzione futura del tempo.

Le ensemble ECMWF di questa mattina pongono il tempo diviso in quattro fasi, nei prossimi 15 giorni.

Fino alla giornata di sabato 23 Maggio il tempo è previsto generalmente buono su tutta la Penisola.

Tra domenica e lunedì assisteremo invece ad un veloce passaggio perturbato da nord verso sud, con un aumento dell’instabilità e possibili temporali al Nord e poi al Centro Italia.

Segue di nuovo un miglioramento del tempo, ma il geopotenziale in quota tende a diminuire.

Ed è così che, a partire da venerdì 29 Maggio fino a tutti i primi giorni di Giugno l’allontanamento della zona di Alta Pressione permetterà infiltrazioni di aria fredda ed instabile, con la formazione di numerosi temporali soprattutto pomeridiani sulla nostra Penisola, e condizioni di tempo variabile.

Dunque, ci avviciniamo alle soglie dell’Estate, ma il tempo non assumerà ancora caratteristiche estive, se non a tratti.