Stop al caldo africano! Al via una fase più fresca e a tratti instabile

0
795

Il caldo africano ha ormai le ore contate. Questa interminabile fase molto calda che, tranne lievi oscillazioni verso il basso, dura quasi ininterrottamente dai primi giorni di giugno, è giunta ormai al capolinea.
Già oggi i primi segnali del cedimento, almeno in quota, dell’Anticiclone Africano: forti temporali infatti hanno solcato e continuano tuttora ad interessare lo Stivale: oltre 200 mila i fulmini registrati dalla rete Blitzortung in un solo giorno!

Lo “smantellamento” dell’Anticiclone Africano continuerà nel corso della giornata di domani, quando un ampio fronte freddo, legato alla profonda circolazione Pirmin, centrata sui settori occidentali russi, si farà strada verso sud a suon di rovesci e forti temporali.

Il caldo afoso sarà tuttavia ancora il protagonista di gran parte della giornata di domani, soprattutto al primo mattino, quando la combinazione tra alte temperature ed elevati tassi di umidità relativa renderanno il disagio fisico marcato.

Nel corso della giornata andrà progressivamente meglio per il rinforzo dei venti mediamente sud-occidentali, i quali avranno il merito di alleviare il disagio legato all’afa.
Il calo delle temperature comincerà dal tardo pomeriggio e si intensificherà nel corso della notte e nel corso della giornata successiva, giovedì 11 luglio: in circa 24 ore passeremo, alla quota isobarica di 850 hPa (circa 1500 m) dalla +24° a circa la +12°.

Il calo sarà drastico e si potranno raggiungere anche 12° in meno rispetto ad oggi.

Rovesci e temporali interesseranno gran parte della regione, anche se il Leccese sembra nuovamente in ombra pluviometrica.

Il calo di domani aprirà le porte ad un periodo caratterizzato da un clima nettamente più vivibile, con temperature generalmente in media o poco al di sotto, in cui ci sarà probabilmente maggior spazio all’instabilità e alle piogge (da confermare).

 

Fabrizio Congedo