Una settimana all’insegna dell’instabilità al Nord, e del caldo al Sud

0
98

Questa settimana inizia all’insegna del tempo instabile e delle piogge al Settentrione, un tipo di tempo che accompagnerà queste zone per diversi giorni.

 

Al contrario il Sud Italia sta per essere investito da un’onda anticiclonica di origine africana, che porterà le temperature fino a valori superiori ai 30° su gran parte delle località, in un tipo di tempo che rappresenta già un anticipo della stagione estiva.

 

Mercoledì 13 Maggio:  ancora instabilità legata al passaggio di fronti perturbati di origine atlantica.

 

Avremo quindi un nuovo peggioramento del tempo che interesserà il Centro Nord, con aumento della nuvolosità con precipitazioni che interesseranno però, con maggiore insistenza, il Settentrione.

 

Temperature massime basse sul Nord Italia, molto elevate al Sud dove avremo i primi picchi di caldo soprattutto in Puglia settentrionale, con valori ben superiori ai 30°.

 

Giovedì 14 Maggio: continuano le condizioni di instabilità, una perturbazione afro- mediterranea risalirà l’Italia dal Lazio (interessato nelle prime ore del mattino) verso nord, andando poi a soffermarsi sul Settentrione interessato ancora una volta dai fenomeni più intensi.

 

Temperature in generale risalita sull’Italia, con punte massime di oltre 30° dal Lazio in giù, e fino a 37-38° in Puglia settentrionale.

 

Venerdì 15 Maggio: ancora un’altra perturbazione atlantica sfilerà stavolta più a nord, interessando la Toscana ed il Nord Italia, con piogge, rovesci e temporali, con tendenza a miglioramento in serata.

 

Massime in generale calo sul Centro Nord, ma sempre su valori oltre i 30° al Sud.

 

Sabato 16  Maggio: previsione incerta, anche se è possibile un inizio con cielo sereno o poco nuvoloso, e nuovo aumento delle nubi per instabilità pomeridiana con temporali sparsi che saranno possibili su tutto il Nord Italia, mentre una perturbazione provocherà piogge e rovesci sulla Sardegna.

 

Sud Italia sempre con temperature massime elevate, ma in calo rispetto ai valori dei giorni precedenti.

 

Le precipitazioni interesseranno prevalentemente il Centro ed il Nord Italia, ma quelle più abbondanti cadranno al Settentrione, ed in particolare su Alto Piemonte.