Il raffreddamento degli oceani nell’ultimo anno…

0
489

Dalla mappa sottostante, elaborata tramite i dati NCEP, possiamo visionare quanto sia stato grande il raffreddamento che gli Oceani mondiali hanno avuto nell’ultimo anno.

Si tratta di una mappa che mostra le differenze nelle temperature superficiali marine tra il 2016, ed il periodo Gennaio – Luglio 2018.

Ovviamente, nel 2016 era in atto un fortissimo Nino, cioè un riscaldamento delle acque equatoriali del Pacifico, che è stato sostituito dal fenomeno opposto, la Nina, e quindi il raffreddamento è evidente su tutta l’aera centrale pacifica.

Nell’Atlantico Settentrionale, notiamo una zona di riscaldamento nella sua fascia centrale, che quest’anno ha visto temperature superiori alla norma, mentre il freddo si è impadronito della fascia centrale ed intertropicale.

Notevole anche il raffreddamento verificatosi sull’Oceano Indiano ma anche sul Mar Glaciale Artico, con punte di raffreddamento di 3-4°C.

Gli Oceani sono le principali “guide” delle temperature globali, vista la loro capacità di assorbire e rilasciare calore in atmosfera; è prevedibile quindi nei prossimi mesi un calo delle temperature, in attesa di nuovi fenomeni (un possibile Nino per il 2019?) che potrebbero invertire questa situazione.